Offerta formativa


Obiettivi formativi
Carattere distintivo della formazione offerta da una Scuola di Dottorato è la formazione attraverso la ricerca. Gli studenti di Dottorato sviluppano capacità analitiche, metodi sperimentali e una forma mentis, che permettono loro di avanzare le conoscenze e risolvere problemi di frontiera nella loro disciplina, così che potranno intraprendere carriere nella ricerca (presso Università, Enti pubblici o soggetti privati), o portare a qualunque professione scelgano lo spirito di scoperta e la disponibilità al rischio che si imparano facendo ricerca. Oltre agli insegnamenti inquadrati in ciascun suo Corso di Dottorato, la Scuola di Dottorato offre insegnamenti, seminari, lezioni, a cui possono partecipare tutti gli studenti iscritti ai suoi Corsi di Dottorato.
Attività formative
Le attività formative della Scuola sono attività didattiche (insegnamenti, seminari, lezioni magistrali) erogate dalla Scuola.
Dottorati di ricerca
Il dottorato di ricerca è il III livello di studi universitari, dopo la laurea e la laurea specialistica/magistrale, a cui si accede per concorso e che mira alla formazione attraverso la ricerca.
Dottorato in Biotecnologie Applicate (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)

COORDINATRICE: PROF.SSA PAOLA DOMINICI

 

Il Dottorato in Biotecnologie Applicate afferisce alla Scuola di Dottorato di Scienze Ingegneria  Medicina ed è suddiviso in due curricula.

Il curriculum in BIOTECNOLOGIE AGROINDUSTRIALI mira alla formazione di base, metodologica e sperimentale del ricercatore e/o operatore nel complesso e innovativo settore delle biotecnologie applicate. Gli ambiti in cui potrà essere sviluppato il progetto di ricerca riguardano: qualità e controllo della sicurezza degli alimenti, rintracciabilità e tracciabilità di filiera, qualità delle produzioni vegetali, applicazioni microbiologiche in campo agroalimentare, sviluppo di processi biotecnologici per il miglioramento delle piante di interesse agrario, sviluppo di prodotti biotecnologici innovativi mediante l’impiego di piante e di microrganismi per la salute umana e per la tutela ambientale, studio della struttura e della funzione di macromolecole di interesse biologico, anche allo scopo di produrre molecole con migliorate caratteristiche di rilevante interesse industriale

Il curriculum in BIOTECNOLOGIE VITIVICOLE ED ENOLOGICHE, nato dal positivo rapporto esistente tra il mondo accademico e il territorio viticolo ed enologico veronese, mira a formare dottori di ricerca con qualificate competenze e conoscenze scientifiche di base trasferibili, nel breve-medio periodo, alla coltivazione delle vite e all’industria enologica. Il percorso formativo è imperniato sulla partecipazione dei docenti a progetti di ricerca nazionali ed internazionali riguardanti la caratterizzazione e l’analisi funzionale del genoma della vite e delle componenti microbiche presenti ed operanti nella filiera vino, per produrre le conoscenze scientifiche, gli strumenti molecolari e tecnologici, e la definizione di modelli teorici, da sfruttare a beneficio della viticoltura ed enologia italiana ed internazionale. Altri ambiti in cui potrà essere sviluppato il progetto di ricerca riguardano: individuazione dei sistemi genetici di risposta ai patogeni; studio dei parametri genetici e fisiologici che regolano la maturazione della bacca durante il processo di maturazione e surmaturazione; sviluppo di microrganismi specifici nei mosti e nei vini base.

Dottorato in Imaging Multimodale in Biomedicina (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)
COORDINATORE: PROF. ANDREA SBARBATI
 
L’obiettivo formativo del dottorato è l’addestramento di giovani studiosi alle attività di ricerca scientifica nell’ambito dell’imaging multimodale inteso nel senso più ampio con lo scopo finale di offrire a centri di ricerca universitari ed extra-universitari ricercatori competenti in un ampio spettro di moderne teniche di ricerca biomediche. I dottorandi verranno quindi inseriti in specifici progetti di ricerca di ambito clinico-sperimentale e di base utilizzando tecniche quali la risonanza magnetica nucleare sperimentale e clinica, la spettroscopia ad infrarossi, la microscopia ottica, elettronica, e confocale, l’elettroforesi proteica mono e bi-dimensionale, la polimerase chain reaction, RFLP. Mutation/polymorphism screening (DHPLC e DNA sequencing), DNA microarray, analisi di linkage, dosaggi ELISA.
Dottorato in Informatica (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)
COORDINATORE: PROF. PAOLO FIORINI
 
L’obiettivo del programma del dottorato in Informatica della Scuola di Dottorato di Scienze Ingegneria  Medicina è quello di formare persone con una profonda ed ampia conoscenza dell’informatica e con un’elevata capacità di apprendimento delle metodologie di ricerca avanzate. I dottori di ricerca dovranno essere capaci di affrontare un’esperienza lavorativa sia nel campo della ricerca pura e di base che nel campo della ricerca applicata e industriale. Il programma di studio e di avviamento alla ricerca dovrà garantire un ottimo livello di preparazione. Gli obiettivi saranno raggiunti prevedendo per i dottorandi una adeguata attività di istruzione e la redazione di una tesi di dottorato conforme ai più elevati standard internazionali.
Dottorato in Nanotecnologie e nanomateriali per applicazioni bio-mediche(ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)

COORDINATORE: PROF. ADOLFO SPEGHINI

Obiettivi formativi del Corso

Il Dottorato in Nanotecnologie e Nanomateriali per Applicazioni Biomediche afferisce alla Scuola di Dottorato di Scienze Ingegneria Medicina e si propone di formare esperti nella progettazione, sviluppo, ottimizzazione e applicazione delle Nanotecnologie a problematiche in ambito biomedico.Per garantire il raggiungimento degli obiettivi formativi, gli studenti di dottorato saranno coinvolti in molteplici attività di ricerca sperimentale, quali la messa a punto di metodi di sintesi di materiali nanostrutturati, l’implementazione di procedure di misura per la loro caratterizzazione chimica e fisica e metodiche applicative su materiale di interesse biologico, sia in vitro che in vivo. Grande importanza verrà data alla raccolta e all’elaborazione di dati sperimentali, la cui acquisizione sarà effettuata mediante l’utilizzo delle più moderne tecniche sperimentali, quali la microscopia ottica ed elettronica, la risonanza magnetica nucleare, la spettroscopia ottica (assorbimento, luminescenza continua e transiente), la microspettroscopia vibrazionale (infrarosso e Raman), la proteomica mono e bidimensionale, la PCR (polimerase chain reaction), RFLP (restriction fragment length polymorphism), mutation/polymorphism screening, DHPLC (denaturing high- performance liquid chromatography),  sequenziamento del DNA e DNA microarray. L’addestramento in tali tecniche permetterà allo studente di dottorato di fare esperienza diretta di programmazione degli esperimenti, raccolta dati, elaborazione degli stessi e stesura di una relazione e pubblicazione scientifica. Al termine del corso degli studi, i dottori di ricerca avranno acquisito la capacità di impostare e condurre autonomamente una attività di ricerca nel campo delle nanotecnologie e dei nanomateriali per apllicazioni biomediche, con competenze interdisciplinari in campo chimico, fisico, biologico e medico.                                                                                                                                                                                                     

Tematiche di ricerca:

- sintesi, caratterizzazione strutturale e spettroscopica di materiali nanostrutturati e mezzi di contrasto  multimodali;
- preparazione di film sottili nano cristallini;

- indagine della struttura e delle proprietà vibrazionali di materiali funzionali nano strutturati;

- nanoingegnerizzazione superficiale;
- nanoingegnerizzazione cellulare;
- analisi funzionale di interfacce biologiche;
- produzione di traccianti;
- sviluppo di biosensori per attivazione cellulare;
- cell targeting.

Dottorato in Neuroscienze (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)
COORDINATORE: PROF. MICHELE TINAZZI
 
Le neuroscienze si distinguono in neuroscienze di base e cliniche e sono volte alla comprensione dei meccanismi dello sviluppo e funzionamento del sistema nervoso centrale e periferico, come pure dei processi di instaurazione delle alterazioni patologiche a loro carico e della riparazione delle lesioni. Lo scopo del Dottorato in Neuroscienze, appartenente alla Scuola di Dottorato di Scienze Ingegneria  Medicina , è di formare persone qualificate in grado di eseguire ricerche e così conseguire nuove conoscenze nell’ambito sia delle neuroscienze di base che di quelle cliniche, gli obiettivi ultimi essendo la comprensione delle funzioni cerebrali normali e la cura dell’uomo colpito dalle malattie del sistema nervoso. Infatti tali malattie oltre che essere generalmente gravemente invalidanti, rappresentano anche per la loro frequenza uno dei costi sociali più elevati. Lo studio del sistema nervoso, la struttura di gran lunga più complessa in natura, richiede competenze ed approcci molteplici che formano l’oggetto dei diversi curricula.
 
Dottorato in Scienze Psicologiche e Psichiatriche (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)
COORDINATRICE: PROF.SSA MIRELLA RUGGERI
 
Il Dottorato in Scienze Psicologiche e Psichiatriche fa parte della Scuola di Dottorato di Scienze Ingegneria Medicina ed è suddiviso in due indirizzi.

Indirizzo Psicologico: studio delle basi cognitive e neurali di varie funzioni cognitive quali la percezione, l’attenzione, la memoria, il linguaggio sia su soggetti normali che su pazienti con lesioni cerebrali focali con tecniche di psicologia sperimentale e neuropsicologiche. Studio dei correlati elettrofisiologici delle funzioni cognitive mediante la tecnica dei potenziali evento-correlati. Uso della registrazione dei movimenti oculari nella percezione visiva e nell’attenzione. Studio dei correlati neuro-metabolici delle funzioni cognitive mediante la tecnica della risonanza magnetica funzionale. Uso della tecnica di stimolazione magnetica transcranica per interferire in maniera reversibile ed innocua con aspetti selettivi delle funzioni cognitive.

Indirizzo Psichiatrico: valutazione degli input, del processo e degli esiti degli interventi psico-sociali in psichiatria, con valutazione dei costi e dei rapporti tra costi ed efficacia. Valutazione dei predittori di esito delle psicosi e di altri disturbi psichici, con inclusione dei fattori di suscettibilità genetica e morfofunzionale cerebrale. Valutazione della appropriatezza degli interventi farmacologici in psichiatria mediante tecniche informatizzate di monitoraggio delle prescrizioni. Valutazione della efficacia e tollerabilità dei farmaci in psichiatria mediante revisioni sistematiche della letteratura e conduzione di studi clinici controllati. Studio dei correlati neuro-metabolici delle principali psicosi mediante la risonanza magnetica strutturale e funzionale. Valutazione della qualità della comunicazione medico-paziente mediante tecniche standardizzate di analisi delle caratteristiche delle interviste mediche nel setting della medicina generale e dell’ambulatorio specialistico psichiatrico. Valutazione degli esiti dei trattamenti psicoterapici.
Offerta formativa
Inizio pagina